5 ottobre 2015

Tutti a Cori!

Le attività del secondo anno di catechismo per la preparazione alla cresima della parrocchia quest’anno ripartono alla grande, con un ritiro di due giorni, inclusivo di un pernotto fuori - l’idea stuzzica molto i ragazzi che infatti partecipano in massa, quasi al completo, eccetto alcune assenze dovute a motivi di salute.

IMG-20150930-WA0006La meta scelta è Cori (Lt). Pernottiamo in una struttura storica bellissima, un ex convento di S. Francesco attualmente preso in gestione da un’associazione onlus di francescani laici, il ‘Circo della Farfalla’, che vi ha avviato due attività: una casa per ferie per pellegrini e gruppi - la parte che abbiamo utilizzato noi – e una parte adibita a casa famiglia per minori, che al momento ospita più di una decina di ragazzi stranieri a cui personale qualificato offre l’opportunità di diventare adulti integrandosi nella nostra società. La Casa per ferie è la principale fonte di finanziamento per le attività della Casa Famiglia.

Appuntamento in parrocchia alle 10.00 di sabato, zaini in spalla…. o meglio questo era l’illusione di noi catechisti: potete immaginare lo sgomento quando vediamo arrivare le ragazze- cosa forse più prevedibile- ma anche i ragazzi con trolley, borse e borsette… tutto per una sola notte fuori!!! Tranquillizzati i più apprensivi che la richiesta di portarsi il sacco a pelo non significava che avrebbero dormito per terra ma era per dare un tocco più avventuroso al ritiro (e risparmiare i soldi del supplemento lenzuola!!), ci distribuiamo nelle macchine e partiamo.

In questi due giorni scopriamo insieme ai ragazzi la storia di Tobia, spezzata in diversi momenti. Quasi nella forma di un avvincente telefilm a puntate, i ragazzi ricevono  parole molto esistenziali ed importanti: sulla necessità di affrontare le proprie paure senza scappare (come Tobia quella notte in cui, su consiglio dell’amico Azaria, affronta il pesce che tenta di divorarlo), sulla bellezza di mettersi in cammino (come Tobia che parte per recuperare le ricchezze che il padre Tobi aveva lasciato in gioventù in un paese molto lontano dalla loro casa), sulla consolazione di sapere che in questo cammino non siamo soli (come Tobia che alla fine del suo viaggio scopre che Azaria, l’amico saggio che l’ha accompagnato in questo suo viaggio è in realtà l’Arcangelo Raffaele, inviato da Dio).

Un momento intenso di preghiera è il pellegrinaggio verso il Santuario della Madonna del Soccorso, a Cori alta- don Luca, il prete che ci accoglie, ci tiene a sottolineare i 500 mt di altezza del luogo e a farci notare la bellissima vista sul mare e le isole pontine: uno spettacolo davvero suggestivo! I ragazzi, appresa la storia di come nel ‘500 la vergine Maria aiutò la piccola Oliva, una bimbetta che si era smarrita per 8 giorni nel bosco e sopravvisse solo grazie alle cure della ‘Signora’, sono invitati ad affidare le loro paure a questa madre buona e a chiederle la grazia di esaudire una preghiera che sta loro molto a cuore.

Ai ragazzi viene poi data la possibilità IMG-20150930-WA0008di mettersi in gioco in prima persona attraverso l’esperienza del servizio: vengono divisi in tre gruppi (che coincidono con le tre squadre che dopo cena si affrontano in un avvincente torneo di giochi) che si occuperanno di apparecchiare, servire a tavola, sparecchiare e rassettare la cucina dopo i pasti, con tanto di grembiuli con stampato il motto evangelico: ‘Non sono venuto per essere servito ma per servire’

Gran finale la domenica, con l’arrivo delle famiglie dei ragazzi che condividono il pranzo con noi, e l’onore di avere celebrata la messa dal parroco Padre Franco!

Un’esperienza multipla: di fede, di amicizia, di preghiera, di servizio, di gioia di stare insieme, di litigare e perdonarsi; il tutto in una bellissima atmosfera di comunione tra catechisti e ragazzi. Contenti e pieni per le parole date e ricevute, per la profondità con cui i ragazzi hanno riflettuto sulla loro vita e si sono messi in gioco anche concretamente, promettiamo che in futuro ripeteremo sicuramente quest’esperienza… e queste sono promesse che i ragazzi si legano al dito!!!